By / 27th agosto, 2018 / Senza categoria / Off

La Sfogliatella è una specialità dolciaria apprezzata e diffusa sia in Abruzzo sia in Campania, ma dove risiedono le sue origini? Qual è la sfogliatella originale?!!

Campana, la sfogliatella originale è Campana, mettiamoci l’animo in pace, ma allora perché esiste anche in Abruzzo ed ha una ricetta differente?

sfogliatella

Che cos’è la sfogliatella abruzzese

In Abruzzo è d’uso preparare le sfogliatelle per il periodo di Natale, insieme ad altri dolci natalizi come caggionetti e paste di mandorle. Vi sono due differenze vistose rispetto al dolce napoletano: innanzitutto la sfogliatella abruzzese appare più morbida con gli strati di sfoglia più sottili, inoltre il ripieno è differente.

La lavorazione è molto complessa per la preparazione della pasta sfoglia, per la quale si fanno almeno cinque strati separati da strutto sciolto, però tuttora viene realizzata manualmente, oltre che in pasticceria, nelle case, dove la ricetta viene tramandata di generazione in generazione. Il ripieno è tipico dei dolci abruzzesi: marmellata d’uva e amarena rigorosamente casereccia, cacao in polvere, mandorle tritate, zucchero e cannella, mosto cotto e noci.

sfogliatella abruzzese

La Storia e l’Origine
L’origine della “versione abruzzese” risale nei primi del 1900 a Lama dei Peligni (dove tutt’oggi si festeggia la sagra delle sfogliatelle) per mano di Donna Annina Di Guglielmo (originaria di un paese vicinissimo a Lama) la quale ricevette la ricetta della sfogliatella napoletana originale dalla suocera Francesca D’Antonio, nobildonna di S. Maria Capua Vetere, in occasione di una sua permanenza a Napoli.

Nel 1902, la baronessa Annina stabilitasi definitivamente a Lama, adattò al suo gusto e alla reperibilità degli ingredienti locali la ricetta originale, creando quella che adesso è la sfogliatella d’abruzzo. La sfoglia diventò più morbida aggiungendo lo strutto, di cui vi era gran disponibilità, mentre la farcitura venne completamente sostituita con quelle che sono le produzioni locali.

La ricetta venne gelosamente custodita all’interno del palazzo nobiliare fino agli anni ’60 quando il cuoco della famiglia che ne condivise i segreti con alcune donne di paese e di li in poi si diffuse piano piano in tutto Abruzzo.

Curioso, no? I desideri di una nobildonna hanno condizionato una ricetta storica e trasformato il nuovo prodotto in nuova tradizione.

Visita Lama dei Peligni, i suoi splendidi paesaggi naturistici e gusta anche Tu la meravigliosa Sfogliatella Abruzzese.

Se poi cerchi una sistemazione ideale per passare la notte non hai che da chiamare Suites Rome&Florence, trovi QUI tutti i contatti.

Tratto da: www.comunelamadeipeligni.it